Principi attivi

I principi attivi di utilizzo cosmetico sono veramente tantissimi e sarebbe impossibile quanto inutile elencarli: tuttavia possiamo capire in che modo qualcosa venga classificato come principio attivo e quali siano le caratteristiche più importanti di queste sostanze.

Per iniziare diciamo che un ingrediente è principio attivo se esso partecipa attivamente al miglioramento della superficie biologica a cui viene applicato. In generale in farmacia si intende tale una qualsiasi sostanza con una certa attività biologica.
Spesso si sente parlare di "sostanze funzionali", che essenzialmente è un modo diverso di chiamare le stesse sostanze con queste proprietà e caratteristiche. Queste sostanze sono gli ingredienti che si vanno ad aggiungere alle nostre formulazioni base, dando una precisa funzione al nostro prodotto.

Anche sostanze che fungono da base possono avere funzione di "attivo"; ad esempio la glicerina funge da solvente per le polveri, ma allo stesso tempo è considerato un principio attivo in grado di fornire un'idratazione indiretta alla pelle. Questo tuttavia non accade spesso per altri tipi di ingredienti base come oli ed emulsionanti, quindi è considerabile come un'eccezione.

Per la maggior parte queste sostanze sono di derivazione vegetale, infatti come è noto fin dall'antichità le piante sono ricche di proprietà in grado di curare i più svariati problemi. Ogni anno però viene comunque investita una grande quantità di denaro nella ricerca di nuove tecnologie, soprattutto ad opera delle più grandi case cosmetiche, per il deposito di brevetti di sostanze attive innovative. Queste nanotecnologie vengono enormemente pubblicizzate poi al momento della vendita, anche se quasi sempre è impossibile comprenderne il principio di funzionamento troppo complesso.

Nei prodotti che si trovano in commercio è frequente che la percentuale di sostanza attiva sia molto bassa: ciò che viene pubblicizzato non è il componente principale del prodotto, ma una sua minima parte. Questo succede soprattutto perchè le sostanze attive sono le più care in termini di prezzo rispetto a tutte le altre materie prime.

OLI ESSENZIALI

Attivi molto preziosi sono appunto gli oli essenziali. Sono tra le materie prime cosmetiche più costose in assoluto, ma si usano in bassissime quantità perchè anche poche gocce bastano per ottenere un effetto piuttosto consistente. Il loro prezzo varia in base alla natura della pianta da cui sono estratti, dalla loro purezza e dal processo utilizzato per ottenerli: esistono oli essenziali di rosa che arrivano a costare anche centinaia di euro per 20gr di prodotto!

Il motivo principale per cui sono materie prime così preziose è -oltre la loro composizione chimica ricca e molto variegata che deriva dalla loro origine 100% naturale- la loro capacità di penetrare a fondo nell'epidermide e nel derma, arrivando a volte a raggiungere anche la circolazione sanguigna. Agiscono quindi in profondità perché contengono particelle molto piccole. Ogni olio essenziale contiene al suo interno molte sostanze di varia natura: per questo un singolo olio può avere diverse funzioni e può essere impiegato per diversi scopi, il che li rende particolarmente utili nel campo della cosmesi.

Altro vantaggio degli oli essenziali è la loro capacità di agire in modo diretto e allo stesso tempo di profumare i prodotti in cui vengono aggiunti, permettendoci quindi di spendere i nostri soldi in un materiale che svolge contemporaneamente varie funzioni fondamentali.

In quanto oli sono liposolubili e vengono aggiunti sempre a freddo in fase C, in modo da non alterarne le caratteristiche. Tutti gli oli essenziali sono infatti molto delicati e termolabili.

oli; essenziali;

SODIO IALURONATO

È il sale sodico dell'acido ialuronico (o jaluronico), uno dei componenti principali del tessuto connettivo animale che sostiene le cellule e dona elasticità ai tessuti. Agisce come idratante indiretto e distende le rughe, seppur in realtà non penetri nell'epidermide ma rimanga solo in superficie.

Viene utilizzato in soluzione acquosa all' 1% e inserito nelle creme anti età in proporzioni variabili (solitamente 1-3% di soluzione all'1%). È quindi idrosolubile.

Ha proprietà di

  • idratante
  • rigenerante
  • tonificante
  • elasticizzante

Viene aggiunto in fase C a freddo.

S634800

VITAMINE

Le vitamine sono attivi preziosi che regolano il metabolismo cellulare nell'uomo e hanno generalmente la caratteristica di prevenire l'invecchiamento cutaneo perchè potenti antiossidanti naturali. Un antiossidante ha la capacità di ostacolare la formazione di radicali liberi, composti molto reattivi che tendono a ossidare i lipidi contenuti nelle membrane cellulari del nostro organismo: la degradazione di queste membrane è una delle cause dell'invecchiamento cutaneo. Gli antiossidanti sono quindi potenti strumenti per mantenere una pelle giovane e sana.

Tutte si aggiungono in fase C perchè tendenzialmente termolabili.

Le più utilizzate sono

  • Tocoferolo (E)
  • Pantenolo (B5)
  • Retinolo (A)
  • Acido ascorbico (C)
  • Acido lipoico (N)
  • Flavonoidi (P)
  • Ubichinone (Coenzima Q)

Il Tocoferolo è uno degli attivi più impiegati in cosmesi (sotto forma di α-tocoferolo). Impedisce la formazione dei radicali liberi e evita l'irrancidimento degli oli; ha un effetto attivo sulla pelle e allo stesso tempo impedisce alla formulazione di rovinarsi. Funge da idratante e protegge dai raggi UV. Ha effetto elasticizzante sui tessuti: è utilizzato soprattutto come sostanza anti-età. Penetra fino al livello del derma. Liposolubile.

Il Pantenolo è l'alcool della vitamina B5 (acido pantotenico), utilizzato per le sue proprietà idratanti, calmanti e rigeneranti. Viene aggiunto in molti prodotti antinfiammatori e cicatrizzanti non a risciacquo, dove il prodotto ha un tempo di applicazione abbastanza lungo. Ha anche azione fortificante per i capelli. Viene usato spesso in concentrazioni che oscillano dallo 0,1 all' 1%. Idrosolubile.

Il Retinolo viene utilizzato in campo estetico come rigenerante e riepitalizzante: si trova soprattutto nei prodotti per la ricostruzione di capelli e unghie. Aiuta anche a regolarizzare la secrezione del sebo in pelli grasse a acneiche. Può causare secchezza e irritare la pelle se questa viene trattata e poi esposta alla luce solare. Non penetra in profondità ma si mantiene sulla zona dell'epidermide. Liposolubile.vitamine

L'Acido ascorbico ha proprietà schiarenti e tonificanti, e permette la produzione di collagene. Viene anche utilizzato nelle preparazioni come antiossidante. È per lo più usato in preparazioni schiarenti, soprattutto contro la couperose perché in grado di proteggere i capillari e ridurre la produzione di melanina. Idrosolubile.

L'Acido lipoico è uno tra i più potenti antiossidanti esistenti in natura: combatte le rughe e l'invecchiamento, ma è usato anche per curare problemi cutanei come psoriasi, acne e infiammazioni. È uno dei componenti del NMF cutaneo (Trovi altre informazioni sul NMF qui) ed è in grado di rigenerare le vitamine A ed E. Viene utilizzato in bassissime quantità (spesso inferiori allo 0,01%) disciolto in sostanze oleose. Liposolubile.

I Flavonoidi, chiamati anche pseudovitamina P, sono i costituenti dei pigmenti di molte specie vegetali. Hanno funzioni diverse in base al tipo di flavonoidi (flavoni, antociani, antocianine, ...), ma tutti hanno la caratteristica peculiare di proteggere e rinforzare le pareti dei capillari sanguigni. Agiscono contro la couperose e la cellulite, combattendo l'invecchiamento cutaneo causato dalla luce solare e dall'azione dei radicali liberi. Principalmente idrosolubili.

COENZIMA Q10

È una sostanza presente nel nostro corpo a livello della membrana dei mitocondri, dove partecipa alla produzione di energia. Viene aggiunto nelle creme anti invecchiamento perché agisce soprattutto come antiossidante, rallentando la comparsa di rughe e agendo contro la precoce degradazione dei tessuti. Come l'acido lipoico è in grado di rigenerare la vitamina E.

473px-CoenzymeQ10.svg

È un attivo molto prezioso: il suo prezzo medio si aggira attorno ai 8-9€ per singolo grammo, per questo viene utilizzato in percentuali che vanno dallo 0,01 al (raramente) 1%. Ha una colorazione caratteristica gialla, per cui una crema contenente Q10 assumerà una tonalità giallastra inconfondibile. Un modo per accertarsi della qualità di una crema al Q10 è proprio quella di osservare il suo colore: una crema bianca o rosata che dichiari di contenere questo ingrediente ci indicherà che sicuramente questo è stato utilizzato in percentuali che sono molto al di sotto dello 0,1%, per cui l'effetto che questo avrà sulla nostra pelle sarà irrisorio o certamente molto limitato (per non dire inesistente)!

È liposolubile.

In quanto attivo molto prezioso è aggiunto in fase C, precedentemente disciolto in sostanze oleose in modo tale da evitare la formazione di grumi.

q10

ALOE VERA

È un disintossicante e antiossidante naturale utilizzato per rinfrescare la pelle. Può esserne utilizzato il succo o il gel (o la polvere liofilizzata reidratata) in quantità variabili. È idratante ed emolliente e permette di accelerare il processo di cicatrizzazione cutanea, quindi è indicato in casi di scottature, traumi, acne o infiammazioni della cute, cicatrici.

Essendo idrosolubile può essere aggiunto sia in fase A che in fase C.

aloe

COLLAGENE

Il collagene è il principale componente del tessuto connettivo umano, che ha il compito di mantenere in situ i tessuti e di farli apparire tonici: essendo una proteina piuttosto grande non penetra nella pelle, ma in cosmetica è utilizzato il collagene idrolizzato, che permette la sua azione a livello cutaneo perchè particolato. Agisce come agente idratante e tonificante.

È impiegato in prodotti antirughe normalmente in concentrazioni dallo 0,5 al 2%.

È idrosolubile.

Viene aggiunto in fase C.

ALFA IDROSSIACIDI (AHA)

Sono conosciuti come "acidi della frutta" o come AHA: vengono utilizzati come idratanti a basse concentrazioni (3-4%), come schiarenti ed esfolianti a concentrazioni più alte. Sono in grado di penetrare ad alta profondità -normalmente a livello del derma-, riparano elastina e collagene e hanno azione antiossidante. Vengono usati soprattutto su pelli grasse e acneiche ricche di depositi sebacei, e contro l'invecchiamento.

Fanno parte di questa categoria gli acidi

  • malico
  • glicolico
  • salicilico
  • tartarico
  • ascorbico
  • lattico
  • citrico

Il grande difetto degli AHA è però quello di essere irritanti e sensibilizzanti ad alte concentrazioni, per cui vengono spesso sostituiti dai PHA o Poliidrossiacidi: questi composti hanno le stesse caratteristiche dei AHA ma non irritano ad alte concentrazioni e a bassi livelli di pH.

ALLANTOINA

È una polvere prodotta sinteticamente dall'ossidazione dell'acido urico, ma in natura si trova nella pianta Consolida maggiore.

Ha sia proprietà addolcenti che irritanti a seconda della concentrazione: se utilizzata pura o a concentrazioni troppo elevate è irritante sulla pelle, se invece è impiegata tra lo 0,5 e il 2% ha azione lenitiva soprattutto in caso di acne e di pelle sensibile e irritata.

Le sue proprietà sono

  • addolcente
  • cheratolitica
  • cicatrizzante
  • riparatrice
  • lenitiva
  • idratante

È idrosolubile e deve essere dispersa per poterla aggiungere in modo omogeneo alle formulazioni: spesso viene scelto di scioglierla nelle proteine del grano idrolizzate (le spignattatrici esperte del forum di Lola hanno appurato che è il solvente migliore).

Può essere aggiunta in fase A o C. Io tendo a preferire l'aggiunta a freddo in fase C in modo da non alterarne le proprietà.

[Informazioni reperite per lo più dal sito www.flowertales.it]

allantoina; polvere; attivo;

allantoina

PROTEINE DEL GRANO

Conosciute anche come "fitocheratina", sono proteine molto simili alle cheratine che compongono le fibre di capelli e unghie. In cosmesi si usano quelle idrolizzate, che sono più facilmente assimilabili dalla pelle, pur mantenendo un peso molecolare consistente. Hanno effetti benefici sia su unghie e capelli che sulla pelle: nel primo caso hanno azione riparatrice e rinforzante, oltre che condizionante; nel secondo idratano e proteggono le superfici irritate.

Sono per lo più utilizzate nella produzione di detergenti in percentuali dall' 1 al 5%, in accoppiata a miscele di tensioattivi, per diminuirne l'aggressività e per conferire proprietà rinforzanti al prodotto. Nella produzione di emulsioni invece vengono usate soprattutto come solventi per vari tipi di polveri (tra cui l'allantoina succitata) in percentuali basse, in genere massimo 1%, perché donano al prodotto una colorazione giallastra e un odore caratteristico molto forte che spesso risulta fastidioso da mascherare.

Sono idrosolubili.

Sono aggiunte in genere in fase perché termolabili.

CAFFEINA

Premettiamo che la caffeina pura venduta per scopi cosmetici e farmaceutici è una sostanza tossica potenzialmente letale se inalata o assunta dall'organismo anche in piccole quantità; in quanto insetticida naturale può portare alla paralisi. Dobbiamo quindi sempre ricordare di usare molta attenzione quando la maneggiamo.
Una puntina di cucchiaino di caffeina pura inalata o assunta per via orale avrebbe lo stesso effetto di circa 2000 tazzine di caffè bevute contemporaneamente.

Detto questo, è una sostanza innocua a contatto con la pelle. È utilizzata contro la cellulite e i depositi adiposi localizzati perché ha proprietà snellenti e rassodanti, agisce contro la ritenzione idrica e favorisce il riassorbimento dei grassi. Utilizzata sulla pelle la rende liscia e vellutata, in quanto stimola il ricambio cellulare naturale.
Nelle creme per pelli mature è inserita in proporzioni variabili tra lo 0,2 e il 2%.

È idrosolubile ma solo in acqua calda.

Può essere usata nella fase A.

caffeina; polvere;

LIPOSOMI

Con liposomi si intende una determinata struttura fosfolipidica a forma di sfera cava, in cui all'interno possono essere inserite varie sostanze da veicolare all'interno dell'organismo. Possono essere considerati una nanotecnologia avanzata, fondamentale in farmacologia perchè permette il trasporto di principi attivi farmacologici nell'organismo, che vengono protetti da enzimi e altre reazioni durante il trasporto dai due strati di fosfolipidi idrofobici.

Differisce dalla micella -struttura fondamentale alla base delle acque micellari struccanti- che invece non è formata da un doppio ma da un singolo strato di fosfolipidi. Questa non permette il trasporto di sostanze al suo interno.

I liposomi quindi non sono di per sè dei principi attivi, ma fungono da veicolanti per varie sostanze: i più frequenti sono i liposomi multivitaminici che contengono vari tipi di vitamine (E, A, C, ...) o combinazioni di esse, quelli antiossidanti che contengono Q10 e acido lipoico o quelli che contengono sodio ialuronato. Il vantaggio di comprare queste materie prime contenute in liposomi è che questi, essendo particelle molto piccole, permettono un assorbimento maggiore rispetto a quello normalmente ottenuto con le sostanze pure.

Sono sostanze liposolubili e si usano normalmente in quantità tra l'1 e il 4% in fase C. (Quantità indicative: ciascuna miscela ha le sue dosi consigliate di utilizzo)

liposomi; nanosomi; micelle;

BISABOLOLO

È un alcool naturale presente in grande quantità nell'olio essenziale di camomilla: è un ingrediente molto pregiato che si tende a non inserire nei prodotti a risciacquo dove andrebbe sprecato.
Ha proprietà

  • lenitive
  • antinfiammatorie
  • cicatrizzanti
  • riparatorie
  • antibatteriche
  • depigmentanti
  • disarrossanti

Viene utilizzato in prodotti per pelli sensibili, molto spesso in creme per bambini e per pelle screpolata. Ha un'azione mirata sulla pelle irritata: trova largo impiego in prodotti post-epilazione, doposole, dopobarba e nei burrocacao. Ne basta uno 0,5% per ottenere un effetto attivo sostanziale.

È una sostanza liposolubile e termolabile, da inserire a freddo in fase C.

bisabolol

 

ELASTOCELL

Chimicamente è una soluzione acquosa del sale di lisina della carbossimetilcisteina (INCI: Lysine Carboxymethyl Cysteinate). È un principio attivo che agisce eliminando le cellule morte e accelerando il turnover cellulare dell'epidermide. Il nome del prodotto deriva dalla sua proprietà elasticizzante: agisce contro il rilassamento dei tessuti e la formazione di rughe.

Si utilizza dal 5 al 10%, anche se io preferisco usarlo in quantità minori (2-3%). È idrosolubile e termolabile.

Si aggiunge a freddo in fase C.

[Prodotto e informazioni reperiti su: www.farmaciavernile.it]

ATTIVI SPECIFICI

Oltre alle sostanze attive sopra citate, esiste una grande quantità di altre sostanze con proprietà specifiche che agiscono in modo mirato su certi tipi di problemi e patologie. Qui sopra ho citato quegli attivi che più si trovano nei prodotti cosmetici, proprio perchè presentano caratteristiche utili in generale per vari scopi e per tutti i tipi di pelle; si potrebbe dire che sono "universali" e infatti si trovano un po' ovunque, dalle creme ai prodotti da bagno.

In questa sezione tratterò in generale di tutti quei principi attivi che hanno caratteristiche peculiari, spiegando perchè e come sono scelti per curare certi problemi della pelle. Ne esistono un'infinità, quindi è impossibile elencarli tutti; io mi soffermerò su quelli che utilizzo più frequentemente e che ho avuto il piacere di testare in prima persona.

Attivi antiforfora
Dandroff:estratto vegetale della pianta tropicale ziziphus joazeiro con proprietà antiforfora. Ha azione battericida ed è ricco in saponine, quindi agisce contro forfora, dermatite seborroica e psoriasi. È considerato un prodotto alternativo allo zinco piritione, una sostanza normalmente utilizzata nei prodotti antiforfora ma spesso troppo aggressiva per la pelle. Si utilizza dal 2 al 3% in fase A, anche se io preferisco inserirlo in fase C in quanto termolabile.
[Prodotto di www.farmaciavernile.it]
Piroctone olamine:sostanza in polvere contro la forfora con azione antifungina. Anche questo una valida alternativa allo zinco piritione. Da usare al 0,5-1% disciolto in acqua in fase A o C.
[Prodotto di www.farmaciadelborrello.it]
Estratto di ortica:ad azione purificante e antiforfora
Attivi anticaduta
Estratto di serenoa repens:estratto vegetale della pianta serenoa repens utile per combattere la caduta dei capelli. Ha azione antiseborroica, antiacne e antirughe, ma soprattutto combatte la produzione del DHT (Di-idrotestosterone) responsabile dell'alopecia androgenetica - cioè la causa primaria della caduta precoce dei capelli nell'uomo adulto -. Da utilizzare all' 1-2% in fase C.
[Informazioni sulla patologia e sull'estratto su www.fitocose.it]

http---signatures.mylivesignature.com-54494-78-A986989C8366628726576C793153FE0F